Master di secondo livello (corso annuale)

Anno Accademico 2018/2019

MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE UMANA E TECNICHE DI FECONDAZIONE IN VITRO

 
logo ateneo
Organizzato da:
Dipartimento di Scienze Chirurgiche, in collaborazione con AOU Città della Salute e della Scienza di Torino e altre strutture
Università degli Studi di TORINO

Il presente Master Universitario di II livello si propone di trasmettere le piu recenti tecniche della medicina e biologia della riproduzione consentendo di esercitare in maniera autonoma, con originalità, creatività e rigore metodologico, l’attività clinica e di ricerca.
L’organizzazione del Master prevede lezioni frontali, lezioni pratiche in aula interattiva dalla sala operatoria, e, previa suddivisione in piccoli gruppi (o individuale) è prevista la frequenza attiva in ambulatorio e nel laboratorio del Centro di Fisiopatologia della Riproduzione Umana.
I limiti delle varie metodiche e la gestione delle possibili complicanze saranno oggetto di discussione interdisciplinare.
Il Master è diretto a soddisfare la diffusa richiesta di approfondimento culturale, nonché le esigenze di aggiornamento e qualificazione professionale degli operatori del settore. In particolare gli allievi dovranno acquisire un dettagliato e aggiornato bagaglio sulle tecnologie inerenti la biologia della riproduzione animale e umana applicabili nel campo della procreazione assistita.
Consulta il sito dell'ateneo

Caratteristiche del corso

Sede del corso
TORINO (TO) - ITALIA
CFU rilasciati
60
Posti disponibili
15
Periodo di svolgimento
02/2019 - 01/2020
Numero di ore
complessivo 1500
di cui di lezione frontale e/o in modalità e-learning 330
di cui di stage 375
Frequenza obbligatoria
Si
Frequenza del corso
Le lezioni si svolgeranno in maniera parziale durante i giorni lavorativi; i tirocini verranno articolati in settimane di frequenza presso il Centro di Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Dipartimento di Scienze Chirurgiche.
Lingue in cui è tenuto il corso
Italiano
Costo Complessivo
3552€
Borse di studio previste
Potranno essere attivate Borse di Studio in funzione ed in ragione dei finanziamenti ricevuti. Il numero e l’importo saranno comunicati non appena saranno a disposizione.
Termine presentazione domanda
25/01/2019
Termini Scaduti
Prevista prova di ammissione
No

Requisiti richiesti

Titolo di studio
Laurea pre riforma, Laurea Magistrale/Specialistica
Altri titoli
Lauree del vecchio ordinamento:
Medicina e Chirurgia; Medicina Veterinaria; Farmacia; Scienze Biologiche; Biotecnologie (tutti gli indirizzi).
Non è necessaria l'abilitazione all'esercizio della professione.
Lauree di II livello (ex DM 509/99 e DM 270/2004):
Medicina e Chirurgia - classi 46/S e LM-41; Medicina Veterinaria - classi 47/S e LM-42; Biologia - classi 6/S e LM-6; Farmacia e Farmacia Industriale - classi 14/S e LM-13; Biotecnologie Industriali - classi 8/S e LM-8; Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche - classi SNT/03/S e LM/SNT3; Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche - classi 9/S e LM-9.
Non è necessaria l'abilitazione all'esercizio della professione.
Altro:
Titoli accademici conseguiti all’estero riconosciuti idonei dal Comitato Scientifico in conformità a quanto previsto dall’art. 2.5 del Regolamento Master.
Settore di Laurea
SCIENTIFICO, CHIMICO-FARMACEUTICO, GEO-BIOLOGICO, MEDICO, AGRARIA E VETERINARIA
Conoscenze Linguistiche
Italiano

Note

Le domande di ammissione dovranno essere presentate on-line.
Se il numero delle domande (regolarmente pervenute entro i termini indicati per la scadenza) dovesse essere superiore al numero dei posti disponibili, si procederà alla selezione dei candidati previa valutazione di un elaborato di non più di 5.000 caratteri in cui il candidato evidenzi il motivo e le finalità per cui vuole partecipare al Master con in particolare evidenza la crescita professionale attesa. Dovrà inoltre illustrare in quali situazioni cliniche vorrà applicare le conoscenze e le capacità apprese nel corso.
Il Comitato scientifico nominerà una commissione, presieduta dal Direttore del Master e da altri 2 componenti del Comitato scientifico, che procederà alla selezione dei candidati.
Sarà formata una graduatoria in base al punteggio avuto nella valutazione dell’elaborato per attinenza ed innovazione.
Chiudi